top
logo


Profilo storico

La Biblioteca dell’Università Pontificia Salesiana ha avuto la sua origine nel 1904 a Foglizzo Canavese in Piemonte con la fondazione dell’Istituto Teologico Internazionale Salesiano per la formazione sacerdotale dei membri della Congregazione provenienti da diversi paesi.
Nel 1923 l’Istituto e l’annessa biblioteca si trasferirono a Torino ed ebbero un promettente sviluppo con lo slancio provocato dalla beatificazione di Don Bosco nel 1929 e dalla canonizzazione del 1934.
Ma fu certamente determinante la spinta lungimirante del quarto Superiore Generale don Pietro Ricaldone, che si adoperò con tenacia a favore della qualificazione culturale dei salesiani creando un centro proprio di studi accademici.

1940-1964
Il Pontificio Ateneo Salesiano, approvato dalla Santa Sede nell’anno 1940, fece i primi passi a Torino
con le prevedibili difficoltà degli inizi. In mezzo alle prolungate strettezze del periodo bellico fu necessario mettere al riparo dai bombardamenti i libri delle biblioteche. Con il trasferimento della Facoltà di Diritto Canonico, della Facoltà di Filosofia e dell’incipiente Istituto di Pedagogia, che si spostarono da Torino a Roma una decina di anni più tardi, traslocarono anche le biblioteche, sistemandosi provvisoriamente in via Marsala, presso la chiesa del Sacro Cuore, vicino alla stazione Termini.

1965-2001
Nel 1965, trasferita a Roma anche la Teologia, tutte le facoltà furono riunificate nell’attuale sede e, in tal modo, anche i libri si raggrupparono in una biblioteca centrale. Il Pontificium Institutum Altioris Latinitatis, affidato da Giovanni XXIII all’Ateneo, si fornì di biblioteca propria. Da allora la biblioteca si andò sempre più arricchendo e aggiornando mediante l’acquisto di nuovi libri, il cambio per recensione sulle riviste dell’Università e la sottoscrizione di collane e pubblicazioni periodiche. Un progresso notevole si ebbe soprattutto a partire dal 1973, quando l’Ateneo divenne Università. E benché la nuova sede fosse spaziosa, presto la biblioteca incominciò a risentire la strettezza dei propri ambienti.

Nel 1984 fu accolta la richiesta di una sistemazione più comoda e l’iniziativa della biblioteca fu inserita tra le opere programmate in vista del centenario della morte di san Giovanni Bosco (1888-1988). Prevalse la scelta di una costruzione completamente nuova e la progettazione architettonica fu affidata allo Studio Valle di Roma. Mentre l’approvazione del progetto presentato nel marzo del 1989 presso l’ufficio competente del Comune di Roma subiva ritardi burocratici, si avviava il processo di informatizzazione che imponeva anche il ripensamento dell’assetto tradizionale delle biblioteche. Avuto il benestare per la nuova costruzione, i lavori si avviarono temporaneamente nel 1998, furono ripresi alla fine del 1999 e portati a termine nel maggio del 2002.


2002-
Nell’anno accademico 2002-2003 la nuova biblioteca iniziò a funzionare parzialmente, abilitando tre dei cinque piani. L’edificio si trova al centro del complesso edilizio dell’università e può fornire tutti i servizi bibliotecari con la massima flessibilità, integrando lo studio personale e di gruppo, la fruizione della documentazione locale e remota, cartacea e multimediale, in funzione della ricerca e delle attività didattiche.

 

Calendar

agosto 2017
lmmgvsd
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031 
Banner
Banner
Banner

Online

 72 visitatori online

bottom

© Università Pontificia Salesiana Roma 2011 - Powered by Joomla!. XHTML CSS.